Minorenni massacrano coetaneo: collocati in comunità

I due minorenni accusati di aver massacrato un coetaneo la notte tra il 14 e il 15 luglio scorso a Lignano Sabbiadoro (Udine) per costringerlo a consegnare loro tutti i soldi e di aver ripreso la violenza condividendo poi il filmato su WhatsApp sono stati collocati in comunità. Il provvedimento è stato disposto dal gip del tribunale dei Minori di Trieste su richiesta della Procura. La misura è stata eseguita ieri pomeriggio dalla Polizia che ha condotto i ragazzi, friulani di 16 anni, in due strutture fuori provincia. Uno dei due minorenni coinvolti nelle indagini sulla brutale aggressione ai danni di un coetaneo avvenuta la scorsa estate a Lignano Sabbiadoro è accusato anche di stalking. Secondo la Procura dei minori avrebbe ripetutamente minacciato un amico che, venuto a conoscenza del video girato quella notte sulla spiaggia, era andato a consegnarlo alla Polizia e lo aveva invitato a non frequentare l'altro giovane coinvolto nell'aggressione. Gli avrebbe inviato messaggi minacciosi. (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. IlFriuli.it
  2. IlFriuli.it
  3. Padova News
  4. Belluno Press
  5. IlFriuli.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cavasso Nuovo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...